VANTAGGI CHIAVE

PRIMO TRATTAMENTO PER 3 STAGIONI

PRONTO ALL’USO E FACILE DA APPLICARE

NESSUN INGABBIAMENTO DELLA REGINA

ADATTO PER APICOLTURA BIOLOGICA

COME USARE VARROMED: VADEMECUM DEL BRAVO APICOLTORE

 

Come opera l’Apicoltore Mario per tenere sotto controllo l’infestazione di Varroa durante tutto l’anno?

Il suo lavoro inizia in primavera quando è bene verificare lo stato di salute della famiglia, in particolare se il trattamento invernale non ha avuto grande efficacia.

Che strumenti ha in primavera Mario per verificare l’infestazione di varroa?

L’unico farmaco veterinario approvato durante questa stagione è Varromed, che si utilizza gocciolato interfavo nella quantità di circa 3 ml per favo coperto da api. Il trattamento va ripetuto da minimo un trattamento ad un massimo di tre in base alla gravità dell’infestazione. Questo permette di monitorare la situazione ed abbassare la carica di acari per poter affrontare la nuova stagione quanto più puliti possibile.

Mario risconta che alcune delle sue famiglie sono molto deboli e non riescono ad avere una covata uniforme e un paio di casi di covata calcificata… cosa può fare?

Mario ha in dotazione il BEESTRONG che è un pool amminoacidico a base di lisozima che gli permette di alimentare le famiglie in difficoltà diluendo il prodotto nello sciroppo di glucosio-fruttosio nella dose di 25 ml a famiglia per massimo due passaggi (il secondo trattamento a due settimane di distanza dal primo). Nel caso del trattamento della covata calcificata il dosaggio per risolvere il problema è di 50 ml per famiglia, disciolti in 500 ml di sciroppo da ripetere 2 volte, con il secondo passaggio dopo 2 settimane dal primo.

Mario monitora gli alveari e prepara le famiglie per la raccolta di nettare e nota che le api sono forti, attive e sane, capisce che agire in primavera lo aiuterà ad affrontare meglio tutto l’anno produttivo che si apre.

Il nostro attento apicoltore Mario nota che, durante la fase di produzione, è presente della varroa foretica ed ha paura di trovarsi a fine estate con un infestazione molto elevata. Cosa può fare?

Varromed non lascia residui e ha tempo di permanenza di zero giorni. Tra un cambio di melario e l’altro Mario applica Varromed gocciolato in quantità di 30/40 ml totali per famiglia. In questo modo si toglie un po’ di varroa foretica e l’infestazione non arriverà mai a livelli pericolosi.

È fine estate e Mario sa che deve fare i trattamenti contro la varroa previsti per questo periodo. Come si deve organizzare?

Mario usa Varromed che essendo senza effetti collaterali per le api e le regine sa che non arrecherà nessun aumento di stress alle famiglie. Grazie alla possibilità di fare 5 trattamenti consecutivi, con api su 10 telaini fare 35-40 ml, può permettersi di non fare il blocco di covata (ingabbiamento della regina) così da lasciare libere le api di continuare il loro decorso naturale impedendo l’indebolimento della famiglia.

Nella associazione apistica di Mario, consigliano di fare sempre il blocco di covata come trattamento tampone ma il nostro apicoltore ha ancora del VarroMed avanzato dalla primavera. Cosa può fare?

Mario può tranquillamente ingabbiare la regina ed effettuare il gocciolato interfavo dopo 21 giorni. Oltre all’alta efficacia assicura una bassissima tossicità evitando l’indebolimento della famiglia.

Mario teme che trattare più volte possa causare degli effetti collaterali… ha ragione?

No, Varromed è stato studiato e realizzato appositamente per non dare effetti collaterali e per non lasciare residui. È un prodotto adatto per apicoltura biologica e grazie alla sua matrice ha bassissima tossicità e non causa nessun effetto collaterale alle api se usato correttamente.

Mario ha il dubbio che ci sia stata della re-infestazione perché sa che un suo vicino non tratta in modo corretto le api contro la varroa, come può verificare ciò?

Mario sa che con Varromed non avrà nessun effetto collaterale sulla salute della famiglia e quindi fa un passaggio gocciolato inter-favo per verificare la situazione usando un dosaggio minore (20-25 ml per famiglia). Se la situazione di re-infestazione è grave, il trattamento può essere ripetuto fino a 3 volte (uno ogni 7 giorni).

Le famiglie devono essere preparate per l’inverno, come si organizza Mario?

Mario inizia ad alimentare le api con sciroppo e Beestrong (25 ml) per aiutare le famiglie ad essere più resistenti in modo da poter passare l’inverno senza problemi.

È arrivato il freddo e c’è stata la prima gelata… sicuramente le famiglie sono andate in blocco di covata naturale… cosa deve fare Mario?

Mario aspetta, dopo la prima ghiacciata o calo sostanziale della temperatura, che arrivi una giornata con una temperatura pomeridiana di almeno 10°C e fa un passaggio di pulizia con Varromed gocciolandolo tra i favi nella misura di 15/20 ml per famiglia. Così facendo la varroa foretica cade lasciando pulite le api.

Mario ha riscontrato che non tutti gli inverni sono rigidi e che quindi la covata non sempre si blocca naturalmente in questo periodo… cosa fare?

Ecco perché è importante intervenire in primavera con Varromed così da ripulire quanto più possibile la varroa che si è riprodotta nei mesi precedenti dove la covata, a causa della temperatura mite, non si è mai fermata completamente.

L’apicoltore Mario deve usare solo prodotti biologici per trattare le api, i prodotti BeeVital sono sicuri?

Certamente, tutti i prodotti BeeVital sono adatti per apicoltura biologica.

Cosa può dire Mario del lavoro svolto fino ad ora con i prodotti Beevital?

Mario capisce che ha a disposizione un prodotto semplice e sicuro da usare con cui può tenere sotto controllo la varroa durante tutto l’anno. Questo gli consente di non fare il blocco artificiale di covata e di agire con flessibilità a seconda dei periodi e delle temperature assecondando il naturale sviluppo delle famiglie. In questo modo non vengono usati prodotti di sintesi chimica che lasciano residui e generano resistenza.

Con Beestrong ha scoperto un nuovo strumento per poter combattere delle malattie che fino ad ora non avevano nemici e che indebolivano fortemente la salute delle sue famiglie. Le covate sono uniformi, forti e le famiglie sono in pieno benessere e fortificate tanto da garantire un aumento della produttività.

Mario sa che usa dei prodotti approvati, frutto di anni di ricerca e sviluppo, che possono garantire i migliori risultati per le sue colonie permettendogli di fare l’apicoltore in modo sano ed ottimale con un occhio alla natura e salvaguardando la salute delle api.

Varromed, protocollo di gestione per il controllo di Varroa destructor, a cura di BeeOlab

Attuale pratica di lotta alla Varroa

Grossa infestazione estiva, rischio di avere perdite invernali

Nuovo trattamento in 3 stagioni

Miglior controllo, Meno criticità in estate

Nel protocollo tradizionale non è previsto un trattamento primaverile.

Si presenta quindi un’interruzione di trattamento nel momento in cui la riproduzione della varroa è più elevata.

Un trattamento dopo la produzione è comunque essenziale.

Solo un intervento in assenza di covata permette all’apicoltore di partire l’anno successivo il più pulito possibile.

Lo schema con Varromed, che comprende il trattamento primaverile, toglie i problemi dell’assenza del blocco di covata in inverno con residue infestazioni.

In ogni caso l’intervento in primavera interrompe la crescita esponenziale della varroa che porterà a una carica più basso in estate, quindi una situazione più facile da controllare.

NUOVA COMBINAZIONE

VarroMed® è il primo medicinale per api registrato centralmente in tutta Europa
Questo medicinale innovativo è disponibile in bottiglia da 555 ml con un pratico ugello e una scala graduata integrata sul flacone.

VarroMed® è un liquido pronto all’uso, basato su sostanze naturali con una combinazione fissa di due principi attivi – acido formico ed acido ossalico. Ha zero giorni di sospensione ed è adatto per apicoltura biologica.

VarroMed® è indicato per il trattamento della varroasi in colonie di api mellifere durante la primavera, tarda estate/autunno ed inverno, con e senza covata.
Il prodotto è pensato appositamente per le api, pronto all’uso e veloce da applicare.

VarroMed® è disponibile senza ricetta medico veterinaria in tutti i paesi dell’UE

Per ulteriori avvertenze e precauzioni d’uso leggere il foglietto illustrativo all’interno della confezione.

Varromed N.I.N. n°105129-011

Parlano di Varromed su “Rivista Nazionale Apicoltura”

Varromed e blocco di covata

" "

Varromed in Primavera

" "

Test Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana

" "

COME APPLICARE VARROMED


Scarica la Guida

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo mail per ricevere subito la guida su come utilizzare Varromed sul tuo alveare,

ACCETTO | Dichiaro di aver letto e di accettare la politica di privacy ai sensi del regolamento UE 679/2016 ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali a fini promozionali e commerciali.

Il Download della guida è gratuito e sicuro. La tua email è protetta: Termini e Condizioni Privacy.